Archivio per Categoria MobileBlog

DiMobileCare

«Chat Yourself» è la nuova app che puoi aiutare i malati di Alzheimer

Consente di parlare con “sé stessi” per ricordare informazioni vitali

Grazie ad un sistema chat è possibile conversare con se stessi e ottenere in modo automatico informazioni vitali 24 ore su 24. Un aiuto concreto quindi per le persone durante la prima fase della malattia, in cui la perdita della memoria ed il disorientamento spazio-temporale, provocano gravi disagi nella vita quotidiana. Anche chi soffre di demenza o malattie neurodegenerative e le persone anziane che ne sentono la necessità, possono trovare un valido supporto nell’utilizzo di questa applicazione.

«Chat Yourself», è stata sviluppata con la collaborazione psicologici, che hanno stilato una lista di domande a cui il malato deve rispondere. In questo modo il software raccoglie tutte le informazioni necessarie alla persona nei momenti di smarrimento e perdita della memoria, come ad esempio il nome e il contatto dei propri figli, il percorso per tornare a casa, le scadenze della settimana, eventuali allergie ed altre informazioni utili. «Chat Yourself» è una nuova funzionalità di Messenger, l’applicazione di messaggistica istantanea di Facebook.

Come iscriversi a «Chat Yourself»

«Chat Yourself» è gratis. Per iscriversi collegarsi da pc a facebook.com/chatyourself, semplicemente inviando un messaggio alla pagina. Con lo smartphone una volta scaricata l’app di Messenger dopo il primo accesso il software chiede all’utente di rispondere a una cinquantina di domande riguardanti abitazione, lavoro, famiglia, salute, abitudini. E’ consigliabile che all’atto dell’ iscrizione l’anziano sia assistito da un familiare nella fase in cui verranno fornite le risposte.

DiMobileCare

Asus Zenfone 5 e 5Z i nuovi top di gamma

I due nuovi modelli di punta della Asus

Presentati al Mobile World Congress di Barcellona, Asus Zenfone 5 e 5Z presentano molte novità interessanti:

  1. il display a tutto schermo come quello di iPhone X, via cornici e bordi quindi intorno al display addirittura con un rapporto tra pixel e dimensione del dispositivo pari al 90%, più di Samsung e Apple;
  2. doppia fotocamera migliorata con intelligenza artificiale per offrire agli utenti una gamma unica di funzioni intelligenti per la fotocamera
  3. massima praticità d’uso
  4. presenza del tanto discusso “notch” come quello di iPhone X. Quindi anche in questi modelli è presente in alto sopra lo schermo un buco dove trovano alloggiamento tutti i sensori necessari per la fotocamera anteriore, lo speaker e il riconoscimento facciale
  5. Asus Zenfone 5Z ha uno schermo più grande (schermo da 6,2 pollici Full HD+)
  6. Utilizza processore Qualcomm, lo Snapdragon 845, che insieme all’Artificial Intelligence Engine migliora  la fotocamera ed ottimizza il consumo della batteria
  7. Può arrivare a 8 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione.

Quali differenze tra i due modelli?

Lo Zenfone 5 anche se identico dal punto di vista estetico, monta in realtà un chip inferiore (lo Snapdragon 636) che lo rende complessivamente meno potente. In comune invece hanno la doppia fotocamera posteriore con un sensore da 12 megapixel più una fotocamera secondaria da 8 mp grandangolare da 120 gradi. L’Asus Zenfone 5Z arriverà a giugno e potrà essere acquistato a partire da 479 euro. Di Zenfone 5 non si conosce ancora la data precisa in cui farà il suo ingresso sul mercato.

DiMobileCare

Ottenere il massimo dalla fotocamera dell’iPhone

Vuoi imparare come ottenere il massimo dalla fotocamera del tuo dispositivo iPhone? Allora guarda questi tre nuovi video, tratti dal canale YouTube ufficiale della Apple. Scoprirai alcuni preziosi consigli per sfruttare il tuo Device nel miglior modo possibile.

Nel primo video “How to shoot in black & white on iPhone”  troverai suggerimenti e consigli su come scattare foto in bianco e nero tramite i filtri e il corretto uso del contrasto e dell’esposizione.

Nel secondo video “How to shoot an overhead on iPhone” si evidenziano i passi necessari per ottenere immagini scattate dall’alto che siano corrette e d’impatto.

Il terzo video “How to adjust slo-mo timing on iPhone”  è invece incentrato sulla funzionalità slo-mo nella registrazione dei video, illustra come scegliere in modo preciso il punto di inizio e fine della scena rallentata.